IL GRANDE MALE / Antonia Arslan

12 Set 2015, 18.30 Sinagoga

sinagoga_mazinger

Il Grande Male

presentazione del libro di
Antonia Arslan
IL RUMORE DELLE PERLE DI LEGNO
, Rizzoli, 2015

È la memoria a salvare il futuro. Il grande ritorno di Antonia Arslan, dopo il successo de “La masseria delle allodole” e de “La strada di Smirne”.
«I ricordi, usciti dalle loro scatole, dilagano nel cuore e prendono possesso della mente». Così, guardando il cortile dalla finestra, una donna torna bambina. Lì, a Padova, dentro e fuori da quella casa, Antonia per la prima volta ha ascoltato il nonno Yerwant raccontare le storie vitali e poi tragiche dei suoi fratelli armeni. Lì, ha vissuto gli anni della guerra, con le bombe dell’aereo
Pippo e i tedeschi in città, ma sempre insieme alla mamma Vittoria, lunatica e bellissima, che nascose un maialino sotto il cappotto, fingendosi incinta per nasconderlo ai nazisti, e al nonno, che la tenne con sé a chiacchierare al buio, durante l’ultimo bombardamento nel 1945. I ricordi della bambina invecchiata si spalancano, avventurosi e intimi, e ci conducono verso altri luoghi dell’infanzia, costellati da figure umanissime. Ma ci portano anche al cuore di un periodo cruciale per l’Italia tutta. La guerra, la sua fine, gli anni Cinquanta e Sessanta. E poi gli amori della protagonista e i suoi viaggi in Grecia, i racconti di un’Armenia che ha messo radici in lei ma soprattutto la scoperta dei libri e del loro prodigioso potere.
Dopo “La masseria delle Allodole” e “La strada di Smirne”, queste sono le note, modulate dalla penna sapiente di Antonia Arslan, di un libro che è una sinfonia sulla memoria e sulla passione per le storie, «porte sempre aperte verso il quotidiano degli altri, con colori infiniti e trame sempre uguali».

ANTONIA ARSLAN, padovana di origine armena, ha insegnato Letteratura italiana moderna e contemporanea all’università. Autrice di saggi sulla narrativa popolare e d’appendice e sulle scrittrici italiane dell’Ottocento (Dame, droga e galline; Dame, galline e regine), ha tradotto il poeta armeno Daniel Varujan. Per Rizzoli ha pubblicato il bestseller “La masseria delle allodole” (2004), tradotto in 20 lingue e diventato un film dei fratelli Taviani; nel 2009 il seguito, “La strada di Smirne”, e nel 2010 “Ishtar 2. Cronache dal mio risveglio”, sulla sua esperienza nel tunnel del coma. Gli altri libri: “Il cortile dei girasoli parlanti” (2011); “Il libro di Mush” (2012) e i racconti del “Calendario dell’Avvento” (2013). Questo romanzo è il nuovo capitolo della serie armena.

Foto: © Carlo Vannini

L’iniziativa è ad ingresso gratuito e senza obbligo di prenotazione

Info:

0522 456477 Musei Civici – uffici, via Palazzolo, 2
(da lun a ven: 09.00 – 13.00 / mar, gio: 14.00 17.00)
0522 456816 Palazzo dei Musei, via Spallanzani, 1
orari di apertura
musei@municipio.re.it