Tutto è contemporaneo. Attualità dell’antico. Italo Rota

6 Apr 2018, 18.00

Tempo e memoria sono oggetti

Italo Rota
conduce Aurelio Magistà, caporedattore de la Repubblica.

Organizzato dai Musei Civici di Reggio Emilia,  nella Sala del Tricolore si svolge “Tutto è contemporaneo – Attualità dell’antico”: un ciclo di sei dialoghi intorno a On the road e ai suoi temi, che coinvolge alcuni dei protagonisti della cultura italiana del nostro tempo in campi diversi, ovvero storici dell’antichità e dell’arte, geografi, letterati, archeologi e architetti.

***

Venerdì 6 aprile, nella Sala Tricolore di Reggio Emilia (piazza Prampolini 1) con inizio alle 18.00, terzo appuntamento del ciclo di incontri Tutto è Contemporaneo – Attualità dell’Antico, dialoghi di approfondimento intorno alla mostra archeologica “On the road – Via Emilia 187 a.C. – 2017”, in corso al Palazzo dei Musei fino al primo luglio prossimo.

Protagonista dell’incontro sarà Italo Rota, architetto di fama internazionale e fine intellettuale, autore dell’allestimento della grande mostra sulla Via Emilia. Italo Rota affronta il tema: “Tempo e memoria sono oggetti”.

L’architetto sarà affiancato da Aurelio Magistà, caporedattore de la Repubblica, specializzato nel design.

L’incontro dà diritto a CFP per architetti e potranno essere considerati come ore di aggiornamento per insegnanti.
Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

Di cosa si discute?

“Tempo e memoria sono oggetti”, per un Museo che si rinnova, rivivendo nell’attualità, sulle orme dell’idea museale alla base della riqualificazione del Palazzo dei Musei.

Italo Rota ripercorrerà la sua esperienza per e accanto ai Musei Civici di Reggio Emilia, avviata sette anni fa e costantemente rivisitata e ‘riannodata’, sino all’allestimento della attuale mostra sulla Via Emilia. Dove tempo e memoria si presentano sotto forma di oggetti, testimonianze di un Passato che è presente nel Presente.

Il tempo è la dimensione nella quale si concepisce e si misura il trascorrere degli eventi. La memoria è la capacità di acquisire e immagazzinare informazioni, fornendoci un quadro coerente del Passato che ci consente di collocare in prospettiva le esperienze in corso.

Rota presenterà in sostanza la filosofia che ispira la mostra On the road, nel continuo dialogo tra il prima e l’oggi, tra il sopra e il sotto, in una linea di continuità affermata dai reperti e dalle testimonianze archeologiche e storiche. Una linea sostanziata certamente dagli oggetti, ma altrettanto dalle persone – vere protagoniste della mostra – che nei millenni passati hanno abitato quella che i Romani chiamarono Gallia Cisalpina e che oggi popolano Reggio Emilia, le altre città e i territori attraversati, oggi come 2.200 anni fa, dalla Via Emilia.

Chi sono i protagonisti dell’incontro?

Italo Rota

Milanese, classe 1953. Laureato in architettura al Politecnico di Milano. Nel suo percorso artistico, intellettuale e professionale, un approfondimento speciale è dedicato al tema museale. Dopo aver vinto il concorso per gli spazi interni del Musèe d’Orsay a Parigi, nella capitale francese firma anche la ristrutturazione del Museo d’Arte Moderna al Centre Pompidou (con Gae Aulenti) e le nuove sale della Scuola francese al padiglione Cour Carrèe del Louvre. A lui si devono inoltre l’illuminazione della cattedrale di Notre Dame e del lungo Senna; la ristrutturazione del centro di Nantes.

Dopo il periodo francese Italo Rota rientra a Milano dove fonda nella seconda metà degli anni Novanta lo Studio Italo Rota & Partners, che gestisce le complessità di grandi progetti internazionali: un’attività poliedrica, alle più differenti scale di dettaglio, dal product design alla progettazione di ampie aree urbane e alle riqualificazioni di edifici con funzioni pubbliche culturali, mantenendo un sistematico intento verso una notevole ricchezza di spazi e forme. Attraverso un approccio olistico, materiali innovativi, tecnologie all’avanguardia ed un’approfondita e continua ricerca, gli spazi proposti, finalizzati a creare un’emozione, mirano a risolvere le problematiche progettuali mantenendo una intensa complessità. Distintivi sono la ricchezza di forme, colori e materiali, l’uso della luce.

In Italia è autore fra l’altro del nuovo Museo del Novecento a Milano, nel palazzo dell’Arengario in piazza Duomo e di importanti allestimenti nell’ambito di Expo Milano 2015; di allestimenti di mostre e installazioni; a Palermo ha progettato il restauro di Palazzo de Seta, la Biblioteca e Archivio storico del Parlamento Siciliano, il Parco del Foro Italico e la Stazione Marittima. Nel 2006 per l’Olimpiade Invernale di Torino realizza il progetto della Medal Plaza in piazza Castello.

Intensa l’attività di docenza universitaria e seminariale a Milano e Ferrara, a Parigi, Losanna, Ginevra, New York e Dal 2010 Italo Rota è il direttore del dipartimento Scuola di Design alla Nuova Accademia di Belle Arti di Milano.

Intervistato da Aurelio Magistà

Aurelio Magistà (Asti, 1963) è responsabile di RDesign, RClub e degli Album di Repubblica. Ha insegnato per alcuni anni all’Università La Sapienza di Roma. Tra le sue pubblicazioni: Televisione e immagine del mondo (L’Occhiello, 1988), L’Italia in prima pagina (Bruno Mondadori, 2002), Dolce vita gossip (Bruno Mondadori, 2004). Vive in Toscana e lavora fra Milano e Roma.

A seguire visita alla mostra “On the road. Via Emilia 187 a.c – 2017” con light simposium  a cura di Archeo Cucina.

Il ciclo di incontri è in collaborazione con l’Ufficio Scolastico territoriale di Reggio Emilia ed è riconosciuto secondo il DM 170/2016. La partecipazione dà diritto a CFP per architetti.

***

Informazioni: www.musei.re.it

Ufficio Stampa Comune di Reggio Emilia
Tel: 0522.456390 e 348.4908849
Email: ufficio.stampa@comune.re.it

e

Studio ESSECI, Sergio Campagnolo tel. 049.663499 gestione2@studioesseci.net (referente Simone Raddi)

 

L’evento si inserisce nel più ampio progetto “2200 anni lungo la Via Emilia” promosso dai tre Comuni di Modena, Reggio Emilia e Parma, dalle Soprintendenza Archeologia di Bologna e di Parma, dal Segretariato Regionale Beni, Attività culturali e Turismo, e dalla Regione Emilia – Romagna.
www.2200anniemilia.it

 

 

 

 

 

L’iniziativa è ad ingresso gratuito e senza obbligo di prenotazione

Info:

0522 456477 Musei Civici – uffici, via Palazzolo, 2
(da lun a ven: 09.00 – 13.00 / mar, gio: 14.00 17.00)
0522 456816 Palazzo dei Musei, via Spallanzani, 1
orari di apertura
musei@municipio.re.it

Musei Civici di Reggio Emilia

direzione e uffici: v. Palazzolo, 2 - 42121 Reggio Emilia
T. 0522 456477 / F. 0522 456476
scrivi a: musei@municipio.re.it

 

© MUSEI CIVICI DI REGGIO EMILIA Credits