Notizie dal mondo / sulle rotte del paravento

Pannello-Namban_sito

Notizie dal mondo / sulle rotte del paravento

Il ciclo “Notizie dal Mondo”, a cura di Georgia Cantoni, è dedicato al libro “Mondi. Dalle collezioni etnografiche dei Musei Civici di Reggio Emilia”, volume promosso dalla Fondazione Manodori e distribuito con una raccolta fondi a favore di progetti per i visitatori dei Musei Civici di Reggio Emilia.

Sabato 4 febbraio 2023, ore 16.00
Sulle rotte del Paravento. Il pannello “Nanban” da Kyoto a Reggio Emilia
Floriano Terrano

Sabato 4 febbraio, alle ore 16.00 al Palazzo dei Musei, in via Spallanzani, 1, continua il ciclo “Notizie dal Mondo”, dedicato all’approfondimento delle tematiche legate alla collezione etnografica dei Musei Civici, con l’incontro condotto da Floriano Terrano “Sulle rotte del Paravento. Il pannello ‘Nanban’ da Kyoto a Reggio Emilia”.

Il prezioso pannello “Nanban” di Reggio Emilia rappresenta una ricca nave sospesa tra realtà e allegoria, così come allegorici e realistici al tempo stesso sono i marinai che la abitano.
L’incontro sarà l’occasione per ricostruire la storia affascinante di un’opera d’arte che, pur se più recente, ha uno stretto legame con un periodo storico ben circoscritto della storia giapponese, ossia gli anni tra il 1604 e il 1634. Siamo all’inizio dell’ Epoca Edo, quando i mercanti giapponesi padroneggiavano con le loro grandi navi i mari del Sud Est asiatico e oltre.

Un viaggio sulle rotte di un’opera che da Reggio Emilia fa salpare fino a Kyoto, dove si conserva il modello artistico, più antico e nato con una funzione diversa, del pannello esposto nei Musei Civici di Reggio Emilia.

Floriano Terrano scrive di arte, cultura e società dell’Estremo Oriente, Giappone in particolare. Organizza conferenze e rassegne dedicate a vari aspetti della società e della cultura estremo-orientale. Cura mostre di artisti giapponesi e dell’Estremo Oriente. Ha collaborato con numerosi enti e musei tra cui: Galleria Arte Giappone di Milano, Musei del Castello Sforzesco – Milano, Galleria Civica Modena, Fondazione Fotografia Modena, Accademia Militare di Modena, Comune di Maranello, Mabic Maranello Biblioteca Cultura, Museo di Arte Orientale “E. Chiossone” di Genova, Musei Civici di Reggio Emilia, Sagami Italia, etc..
blog www.higashishinbun.blogspot.com 
youtube 東新聞 HIGASHI SHINBUN


Venerdì 6 gennaio 2023, ore 16.00
“Narrazioni di ieri e di oggi per un viaggio senza confini”

Valeria Cafà, Musei Civici di Venezia
Andrea Canova, Università Cattolica (Milano e Brescia)
David Salomoni, Villa I Tatti, The Harvard University Center for Renaissance Studies

Venerdì 6 gennaio, alle ore 16.00 al Palazzo dei Musei, in via Spallanzani, 1, secondo appuntamento con il ciclo “Notizie dal Mondo”, dedicato all’approfondimento delle tematiche legate alla collezione etnografica di Palazzo dei Musei: all’incontro “Narrazioni di ieri e di oggi per un viaggio senza confini” intervengono Valeria Cafà, (Musei Civici di Venezia), Andrea Canova, (Università Cattolica di Milano e Brescia) e David Salomoni (Villa I Tatti, The Harvard University Center for Renaissance Studies) 

Al termine dell’anno in cui si celebrano i 500 anni dalla conclusione del viaggio di Magellano, si parlerà, attraverso i documenti antichi che ne descrivono l’itinerario e i materiali etnografici che trasmettevano la visione contemporanea del mondo e dei suoi abitanti, della spedizione che fu momento decisivo per la nascita del moderno mondo globale insieme ai curatori delle due mostre che hanno presentato al grande pubblico questa epocale esperienza.

Andrea Canova, professore ordinario di Letteratura italiana, Università Cattolica (Milano e Brescia) e Valeria Cafà, conservatrice del Museo Correr – Fondazione Musei Civici di Venezia, sono i curatori della mostra Pigafetta e la prima navigazione attorno al mondo. ‘Non si farà mai più tal viaggio’” (6 settembre 2022 – 8 gennaio 2023, Gallerie d’Italia – Vicenza, catalogo Skira editore) voluta in occasione delle celebrazioni per i 500 anni dalla prima circumnavigazione del globo terrestre (1519-1522) guidata da Ferdinando Magellano, a cui partecipò il navigatore e scrittore vicentino Antonio Pigafetta.

L’esposizione (che ha il patrocinio del Comune di Vicenza, del Comitato nazionale per le celebrazioni “500 anni fa il primo viaggio attorno al mondo: Antonio Pigafetta, vicentino, cronista della spedizione di Magellano” e dell’Università Cattolica del Sacro Cuore) celebra la tappa conclusiva della spedizione e il ritorno della nave Victoria in Spagna, avvenuto il 6 settembre 1522. La mostra ha come protagonista il manoscritto della “Relazione del primo viaggio attorno al mondo” conservato nella Veneranda Biblioteca Ambrosiana di Milano, considerato il più antico testimone della versione originale redatta da Antonio Pigafetta e diventato testo di riferimento ai nostri giorni. Insieme al prezioso documento, affiancato da esemplari di cartografia del XV e XVI secolo e volumi a stampa antichi, è esposta una selezione di opere che rimandano alla conoscenza del mondo prima del viaggio, poste a confronto con opere che raccontano la nuova visione del mondo dopo il viaggio, presentando simbolicamente, attraverso materiali provenienti da diversi musei, anche le tappe più significative della spedizione: Brasile, Patagonia, Filippine, Indonesia/Molucche.

Alla mostra partecipano anche i Musei Civici di Reggio Emilia con il prestito del raro manto di guanaco dei fuegini della Patagonia che rientrerà a Reggio Emilia a conclusione dell’evento e sarà nuovamente visibile nelle collezioni etnografiche del Palazzo dei Musei dall’11 gennaio 2023.

David Salomoni (Villa I Tatti, The Harvard University Center for Renaissance Studies) è invece curatore scientifico della mostra in corso al Palazzo Ducale a Guastalla, Il giro del mondo in 500 anni (18 settembre 2022 – 31 gennaio 2023, catalogo Corsiero editore), organizzata dall’assessorato alla cultura del Comune di Guastalla in collaborazione con la Biblioteca Maldotti.

Anch’essa pensata in occasione del cinquecentesimo anniversario della prima circumnavigazione del mondo, la mostra vuole accompagnare il visitatore attraverso un viaggio a ritroso lungo l’evoluzione della rappresentazione del globo terrestre. Il materiale utilizzato è interamente conservato presso la Biblioteca Maldotti; tra gli obiettivi della mostra vi è quello di unire la dimensione globale del contenuto storico e geografico alla dimensione locale rappresentata dal patrimonio bibliografico maldottiano.

Il viaggio di Magellano ci racconta l’origine di una divisione del mondo che vedeva Spagna e Portogallo contendersi il dominio dei mari e dei futuri sviluppi commerciali dell’occidente. Insieme a Colombo e Vasco de Gama, questi viaggiatori posero le basi del moderno mondo globale. La mostra è una occasione per parlare della nuova percezione dei confini del globo, dei nuovi popoli scoperti nonché degli strumenti utilizzati nella navigazione. In un tempo in cui la tecnologia si avvaleva ancora del rapporto diretto con la natura, i punti di riferimento per orientare la via venivano dall’osservazione del cielo e delle stelle ed erano confermati dall’uso della bussola e dell’astrolabio. Per questo una sezione è dedicata al cosmo e alle costellazioni e, in alcune date prestabilite sfocia in esperienze immersive all’interno di un planetario mobile nel quale sono proiettate e commentate le conoscenze astronomiche dal tempo di greci e romani: conoscenze che ancora oggi sono alla base dell’orientamento spazio-temporale.


Domenica 18 dicembre 2022, ore 16.00
L’Africa tra responsabilità e fascinazione: le sciabole di Romolo Gessi
Valeria Isacchini, Gian Carlo Stella

Domenica 18 dicembre, alle ore 16.00 al Palazzo dei Musei, in via Spallanzani, 1, si terrà il primo appuntamento del ciclo “Notizie dal Mondo”: Valeria Isacchini, studiosa di storia dell’Africa, e Gian Carlo Stella, direttore responsabile della rivista “Il Corno d’Africa” terranno una conversazione dal titolo: “L’Africa tra responsabilità e fascinazione: le sciabole di Romolo Gessi”.
Verranno narrate le vicende di Sulaymān ibn Zubayr e delle sue bellissime armi condotte dal Sudan in Italia da Romolo Gessi e che oggi fanno parte delle collezioni dei Musei Civici di Reggio Emilia.
Per l’occasione, le sciabole di Sulaymān ibn Zubayr verranno esposte al pubblico per la prima volta.

Iniziativa a ingresso libero e senza obbligo di prenotazione

INFO

0522 456477 Musei Civici – uffici, via Palazzolo, 2
(da lun a ven: 09.00 – 13.00 / mar, gio: 14.00 17.00)
0522 456816 Palazzo dei Musei, via Spallanzani, 1
orari di apertura
musei@comune.re.it