Enrico Magnani. L’oro della terra/ finissage mostra

Donazione dell’opera “Universal Flag” ai Musei Civici

Dopo il grande successo riscosso in occasione dell’inaugurazione e delle serate tematiche condotte da Luca Ferri, con visitatori da tutt’Italia e positivi riscontri di critica e di pubblico, sabato 4 marzo, alle ore 18.00, ai Chiostri di San Domenico (Via Dante Alighieri 11, Reggio Emilia), si terrà il finissage della mostra di Enrico Magnani, “L’Oro della Terra”, a cura di Massimo Mussini.

Saranno presenti alla serata Giordano Gasparini, direttore della Biblioteca Panizzi, ed Elisabetta Farioli, direttrice dei Musei Civici, cui l’artista donerà l’opera “Universal Flag” (tecnica mista su tela, cm. 200×200) in segno di ringraziamento per la fattiva collaborazione.

Il dipinto, realizzato nel corso della mostra, all’interno di un atelier temporaneo allestito ai Chiostri di San Domenico, è parte dell’omonimo ciclo pittorico – “Universal Flag” – presentato nel 2016 presso Zhou B Art Center di Chicago con un’opera all’Istituto Italiano di Cultura.
«L’arte unisce, dichiara Magnani, non divide. Per realizzare una bandiera universale ho raccolto elementi comuni a tutti i popoli, come i quattro elementi, maschile/femminile, la creazione e la croce di vita, e li ho veicolati attraverso il gesto e il colore su una tela libera. Un’opera che lancia un ideale ponte con Chicago, nel segno dell’arte e della condivisione».

In mostra, 100 lavori del periodo astratto: pitture, pitto-sculture, sculture ed installazioni che prevedono l’uso di colori all’olio e all’acrilico, di smalti, spray e fusioni, ma anche di sabbia, sassi, argilla, oro, catrame e plastica.
«Nella personalità artistica di Enrico Magnani – scrive Massimo Mussini – si contrappongono due modelli concettuali: la razionalità scientifica appresa con gli studi di fisica nucleare e l’irrazionalità fantastica dell’arte figurativa contemporanea. Ne è derivata una pittura in cui appaiono prevalenti i segni automatici dell’astrazione informale e materica. Tuttavia, nelle sue opere le pulsioni irrazionali, che guidano la mano dell’artista nella pittura informale, appaiono affiancate dalla volontà di analizzare argomenti complessi, ereditati dalla tradizione mitica occidentale e orientale, per confrontarli e coglierne il comune sottofondo tematico, sulla scia degli studi psicologici di Carl Gustav Jung».

L’allestimento, progettato dall’architetto Francesco Lenzini, si divide in due sezioni: in primo luogo una visione d’insieme della ricerca dell’artista, attraverso i materiali e gli studi preparatori ai vari cicli pittorici, in secondo luogo l’allestimento delle opere appartenenti a diverse collezioni (“Neptune”, “Red”, “Work”, “L’Oro della Terra”, “Archetipi”, “I Ching”, “Numerology”, “Ouroboros”) disposte secondo assonanze tematiche o formali. Nella Sala delle Colonne è presentata “Supernova”, serie inedita ispirata al “Cosmic Hug Project” che racconta l’espansione dell’universo. Nell’ultima stanza è inoltre proiettato il film documentario “Mystical Treasures”, davanti e dietro le quinte dell’opera artistica di Enrico Magnani.

La mostra è realizzata con il sostegno di Studio Legale LIF – Lenzini Iotti Fontana e con il contributo di Fineco Bank, Kaiti expansion e Rewind; sponsor tecnici Cantina Puianello, Iodiopuro e La Zincotipia; media partner Italia Arte, Reggionline, Telereggio.
I Chiostri di San Domenico sono aperti al pubblico da martedì a sabato ore 15.00-20.00, domenica ore 10.00-20.00, chiuso il lunedì. Ingresso libero. Catalogo Kaiti expansion Editore, 2017, con testo di Massimo Mussini.

Per ulteriori informazioni sulla mostra e sull’artista

L’iniziativa è ad ingresso gratuito e senza obbligo di prenotazione

Info:

0522 456477 Musei Civici – uffici, via Palazzolo, 2
(da lun a ven: 09.00 – 13.00 / mar, gio: 14.00 17.00)
0522 456816 Palazzo dei Musei, via Spallanzani, 1
orari di apertura
musei@municipio.re.it

Share Button
Musei Civici di Reggio Emilia

direzione e uffici: v. Palazzolo, 2 - 42121 Reggio Emilia
T. 0522 456477 / F. 0522 456476
scrivi a: musei@municipio.re.it

 

© MUSEI CIVICI DI REGGIO EMILIA Credits