Data:24 Settembre 2020

Art Ad.Virus | Eros e sessualità_Pittura

[dialogo con: Elisa Pellacani, In my mind, 2018, stampa cianotipica su carta Rosaspina in strisce assemblate in pieghevole circolare con dorso, Reggio Emilia] Uno dei fulcri su cui l’istinto primitivo della sessualità dell’uomo si regge non trova la sua ragion d’essere in motivazioni esclusivamente organiche e fisiche, bensì piuttosto in un bisogno che trascende questi slanci materiali: il bisogno del contatto con l’altro. È nel contatto con l’altro, in una…

Continua…

Data:17 Settembre 2020

Art Ad.Virus | Eros e sessualità_Fotografia

La terza edizione di Fotografia Europea è stata dedicata al controverso concetto di corpo indagato nelle sue molteplici e a volte radicalmente opposte accezioni. UMANO TROPPO UMANO, che individua bene l’argomento dell’edizione, prevede l’esposizione di scatti di artisti internazionali che si interrogano, in modo diverso, sul tema del corpo. Dal corpo “esibito”, trasformato dal rinnovato culto della forma fisica e del bel vivere in strumento malleabile di piacere e performance; al corpo post-tecnologico,…

Continua…

Data:15 Settembre 2020

#MuseoPOP / Prima regola: mai rubare nei musei

Il nuovo romanzo di Felicia Kingsley – pseudonimo di una giovane autrice modenese – è una piacevolissima scorribanda tra le più belle città d’arte europee, con il fil rouge della caccia al diario di uno dei più misteriosi e intriganti personaggi della storia, il celebre libertino Giacomo Casanova. Sylvie, esperta di lingue e Nick, profondo conoscitore della Storia dell’arte, sono due abili ladri, che, oltre ad alleggerire incauti miliardari delle…

Continua…

Data:7 Settembre 2020

#FocusPsichiatria / La rocambolesca fuga di Pietro T.

Il padiglione Lombroso dal 1907 al 1930 ha ospitato i “prosciolti”, coloro che avevano commesso un reato ma che erano stato giudicati incapaci di intendere di volere: questi pazienti non venivano mandati in carcere, ma in padiglioni appositi negli ospedali psichiatrici. Proprio per questo il Lombroso ha due ali di celle ed era circondato da un muro, oggi ricordato da una ricostruzione in rete metallica. Non era detto però che…

Continua…

Data:3 Settembre 2020

Art Ad.Virus | Eros e sessualità_Archeologia

Frammento di cratere a figure rosse di provenienza attica, dal pozzo del settore centrale del sito etrusco di Servirola (San Polo d’Enza). Un satiro ebbro, simbolo della forza fecondatrice della natura, insegue con un otre pieno di vino sulle spalle una menade sfuggente. Scene di questo tipo ricorrono frequentemente nell’arte vascolare greca. Parte del thiasos, questi personaggi sono spesso raffigurati assieme ai sileni e alle ninfe mentre accompagnano allegramente Dioniso…

Continua…

Data:12 Agosto 2020

Art Ad.Virus | MALATTIA archeologia

Da sempre, in tempi, luoghi e culture diverse, la paura della morte causata dalla malattia ha portato l’uomo a rivolgersi al divino al fine di ottenere guarigione o protezione. Spesso, oggi come in passato, tale richiesta prevede che il devoto si rechi in pellegrinaggio verso il luogo di culto, dove dedicherà al dio le proprie offerte. Tra queste, la tipologia più nota è quella dell’ex voto anatomico, la cui tradizione…

Continua…

Data:6 Agosto 2020

Art Ad.Virus | MALATTIA pittura

[dialogo con: Giovanni Costetti, Donna malinconica, 1925 ca., inchiostro/pittura a tempera su carta, Musei Civici di Reggio Emilia, n. inv. A374] L’occhio perso nel vuoto, il capo reclinato, il gesto semplice, tanto spontaneo quanto pieno di riferimenti antichi e moderni: ecco la malinconia (o, in antico, melancolia). Più si osserva questo disegno, più si ha modo di intuire che questo stato d’animo, quasi passeggero, lievemente accennato, sempre presente nel nostro…

Continua…

Data:6 Agosto 2020

Art Ad.Virus | MALATTIA scultura

[dialogo con: Mauro Pavesi, Anelito, 2017, bronzo, Reggio Emilia, piazzale antistante l’ingresso del nuovo padiglione dell’Arcispedale Santa Maria Nuova CORE] Sinonimo di malato, fra gli altri, è infermo. Questo termine suggerisce, senza neanche troppe elucubrazioni, l’idea di stanzialità, dello stare immobili, allettati: la malattia ha dunque come conseguenza l’immobilità, permanente o passeggera che sia. Qual è allora la migliore cura alla malattia? L’esatto opposto, cioè il moto; ed è su…

Continua…

Data:13 Luglio 2020

#Crescere al Museo / Fermati e leggi, viaggiatore

Valentina Uglietti, nata a Milano nel 1990, si trasferisce nel 2010 a Parma per studiare Lettere e Archeologia ed entra in contatto per la prima volta con i Musei Civici di Reggio Emilia per svolgere il suo lavoro di tesi triennale riguardante le epigrafi etrusche. Negli anni successivi prosegue i suoi studi a Bologna e, parallelamente, svolge il Servizio Civile Volontario a Reggio Emilia, sempre in museo. La sua tesi…

Continua…

Data:8 Luglio 2020

#Crescerealmuseo / Didattica a distanza con Google Arts & Culture

Stella Caporale è diplomata in pianoforte presso l’Istituto Superiore di Studi Musicali “Peri – Merulo” di Reggio Emilia e Castelnovo ne’ Monti, e si è laureata in lettere moderne con una tesi che approfondisce il rapporto tra letteratura italiana e musica. Nel 2005 ha conseguito la Laurea specialistica abilitante per l’insegnamento nella scuola secondaria (SSIS). Da quindici anni insegna materie umanistiche nella scuola secondaria di primo grado ed è attualmente…

Continua…

Data:8 Luglio 2020

#PerunNuovoMuseo / Cabinet of Curiosity

Cabinet of Curiosities Das Buch der Wunderkammern, Cabinents des Merveilles E’ recentemente uscito un importante volume di Massimo Listri, pubblicato dalla casa editrice Taschen, che accompagna alla scoperta di alcuni di quegli episodi collezionistici, che tra XVI e XVII secolo sono stati definiti in Europa Wunderkammern, Cabinet of curiosities, Cabinets des merveille. Un percorso che, attraverso una documentazione fotografica di altissimo livello e di grande formato, si snoda tra Austria,…

Continua…

Data:8 Luglio 2020

#MuseoPOP / One Piece

Nico Robin è l’affascinante e intelligente archeologa della ciurma di pirati capitanata da Monkey D. Rufy, da tutti conosciuto col soprannome di “cappello di paglia”. La giovane studiosa prende il mare per poter realizzare il suo sogno: navigare tra le isole del mondo alla ricerca dei “Poignee Griffe”, antichi monoliti su cui sono riportati caratteri appartenenti ad una lingua sconosciuta. La strana collaborazione tra Robin e Rufy si deve alla…

Continua…