Regole per il prestito

Servizio di prestito

Il prestito librario è consentito esclusivamente presentando la tessera di iscrizione ad una biblioteca (Panizzi o a qualsiasi altra biblioteca provinciale). E’ autorizzato il prestito fino a 4 libri per 15 giorni con la possibilità di un solo rinnovo. Ai 4 volumi delle sezioni Arte e/o Archeologia se ne possono aggiungere 2 della sezione Didart

– Sono esclusi dal prestito:
libri rari e di pregio, raccolte di periodici, collane, enciclopedie e dizionari, corpora, atlanti, atti congressuali, studi in onore, libri in cattivo stato di conservazione, tesi di laurea, testi antecedenti il 1950.

Il rilascio di nuove tessere è gratuito

Per iscriversi occorre presentarsi in una di queste biblioteche: Panizzi, Ospizio, Rosta Nuova, San Pellegrino – Marco Gerra, Santa Croce, Orologio, muniti di documento d’identità valido e codice fiscale.

se sei maggiorenne e residente in provincia di Reggio Emilia ottieni una tessera personale a scadenza illimitata

se sei maggiorenne e NON residente in provincia di Reggio Emilia ottieni una tessera personale temporanea e rinnovabile
(a meno che tu non sia iscritto ad una biblioteca della Provincia: in tal caso hai diritto ad una tessera a scadenza illimitata)

fino ai 17 anni: per iscriverti devi presentare un modulo sottoscritto da un genitore e fornire i tuoi dati personali

scuole/enti/altre casistiche: consulta le disposizioni relative ai servizi di iscrizione e prestito sul sito della biblioteca Panizzi

documenti di identità validi

• Carta di identità italiana (per cittadini italiani e stranieri)
• Patente italiana (per cittadini italiani e stranieri)
• Passaporto (solo passaporti con la traduzione
in francese, inglese, spagnolo)
• Permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo
(Ex Carta di soggiorno)
• Permesso di soggiorno
• Carta di identità dei Paesi dell’UE e di Svizzera, Norvegia,
Islanda e Liechtenstein
• Titolo di viaggio (rilasciato a richiedenti di asilo politico)

  • Sanzioni

    Per favorire una più corretta circolazione di libri e audiovisivi, abbiamo introdotto un sistema che controlla e sanziona automaticamente coloro che non rispettano i tempi di riconsegna dei materiali avuti in prestito.
    Dal 1 giugno 2006 i ritardatari verranno automaticamente sospesi dal servizio di prestito della biblioteca, con le seguenti modalità:

    Ritardi Giorni di sospensione automatica
    Fino a 10 giorni Riammissione al prestito dopo la riconsegna dei materiali scaduti
    Da 11 a 20 giorni 5 giorni di sospensione
    Da 21 a 30 giorni 10 giorni di sospensione
    Da 31 a 60 giorni 30 giorni di sospensione
    Da 61 a 90 giorni 60 giorni di sospensione
    Oltre i 90 giorni Uguale al ritardo

    Controlla la tua tessera

    Controlla le tue restituzioni negli ultimi 4 mesi

  • Rinnovo telefonico dei prestiti

    Telefonare al numero 0522- 456809 nell’orario di apertura della Biblioteca delle Arti
    Per rendere possibile questo servizio è necessario avere a portata di mano:
    · La tessera personale della Biblioteca delle Arti
    · Le opere che intende rinnovare
    L’operatore vi chiederà di comunicare:
    · I numeri del codice presente sulla tessera personale
    · I titoli e il numero d’inventario delle opere
    Dopo questa comunicazione il prestito verrà rinnovato e si potranno tenere i libri per 15 giorni.
    Rimangono in vigore tutte le norme del regolamento di prestito e non è possibile:
    · rinnovare prestiti già scaduti
    · rinnovare un prestito per più di una volta
    · rinnovare il prestito se sulla tessera vi sono opere scadute
    · rinnovare il prestito se la tessera è sospesa

    Inoltre:
    I frequentatori della biblioteca devono depositare cappotti, giacconi e nell’apposita cartelliera borse e qualsiasi altro oggetto che possa costituire contenitore
    E’ vietato fare segni o annotazioni di qualsiasi tipo sui libri e sugli arredi
    E’ vietato fumare
    E’ vietato sostare nelle sale di lettura per fini estranei allo studio
    Chiunque danneggi libri e arredi della biblioteca è tenuto a rispondere del danno