Il Museo per la Scuola 2020-2021

Nell’approccio educativo dei Musei Civici è fondamentale la ricerca continua di nuove e diverse modalità didattiche, che consentano la riappropriazione individuale dei contenuti proposti al fine di stimolare le capacità di interpretazione e di rielaborazione.
Il confronto diretto con i materiali presenti nelle collezioni e la pluralità di valori che viene mediata dagli educatori del museo, si pongono come risorsa per integrare i programmi scolastici e stimolare il pensiero critico. I laboratori dei Musei, tra cui il Temporary-Lab (spazio destinato a intercettare le mostre e gli eventi del Museo) e il C-Lab (luogo che mette a confronto le collezioni del museo con le pratiche di fabbricazione digitale, design thinking, STEAM e gamification), sono il luogo privilegiato per dare spazio alla creatività, consolidare le conoscenze e rafforzare le competenze.
Nei percorsi contrassegnati “Nuovi sguardi”, in particolare, risultano centrali la contaminazione fra gli oggetti esposti, la valorizzazione e il potenziamento dell’impatto emozionale e della meraviglia, per dimostrare che il bene culturale racchiude in sé una diversità di significati che per essere valorizzati devono coinvolgere più ambiti del sapere.
Le novità per il nuovo anno scolastico, oltre al definitivo riallestimento del secondo piano, prevedono una serie di laboratori “a distanza” pensati come servizio parallelo e complementare a quello tradizionale (e che venga anche incontro alle realtà scolastiche penalizzate da situazioni contingenti) e il progetto Delivery Museum con cui il Museo entrerà nelle scuole del comune attraverso materiali e attività appositamente studiate.

 

GUARDA IL PROGRAMMA del Museo per la Scuola 2020-2021

***

Dal 14 settembre sono disponibili sulla pagina “Info e prenotazioni” le modalità e i tempi di prenotazione dei percorsi didattici