Data:27 Ottobre 2020

#FocusPsichiatria / “Il regno di Matto” di Glauser

Lo scrittore svizzero Friedrich Glauser conosceva molto bene la realtà dei manicomi: nella sua vita – spesso più avventurosa dei suoi romanzi – vi era stato rinchiuso più volte, a causa soprattutto della dipendenza da morfina. Non è quindi un caso se una delle avventure del sergente Studer, il protagonista dei suoi gialli, è ambientata in un grande ospedale psichiatrico. Per chi conosce un po’ la storia e l’architettura del…

Continua…

Data:22 Ottobre 2020

Art Ad.Virus | Sacro e profano_Società

Il 24 novembre si celebrano solenni cerimonie religiose dedicate al Vescovo Prospero, Santo Patrono di Reggio Emilia. In piazza San Prospero e nelle vie del centro storico, le persone camminano come da tradizione, dopo la santa messa celebrata nella basilica di San Prospero, testimonianza insigne del tardo manierismo emiliano, la quale ospita sotto l’altare maggiore le spoglie del Santo Patrono. Conosciuta anche come “piazza dei leoni”, nome dovuto ai sei…

Continua…

Data:15 Ottobre 2020

Art Ad.Virus | Sacro e profano_Storia

Il termine “sacro” deriva dal latino arcaico “sakros”, comparso per la prima volta sull’iscrizione Lapis Niger (VI sec. a.C.). Successivamente è passato ad indicare l’area semantica relativa ad una divinità ed al suo culto. Antitesi di “sacro” è “profano”. Anch’esso di derivazione latina (pro=davanti + fanum=tempio,luogo sacro), denota tutto ciò che è estraneo o contrario alla dimensione sacrale e religiosa. Immaginando questi due termini, sacro e profano (S,P), come i…

Continua…

Data:8 Ottobre 2020

Art Ad.Virus | Sacro e profano_Architettura

[dialogo con: Luigi Bartolomeo Avanzini, Girolamo Beltrami, Chiesa dei Santi Carlo e Agata, 1639 ca., via San Carlo 1, Reggio Emilia; AA.VV., DIASPORA, un progetto di Manuel Portioli, 2018, videoinstallazione circolare] Una fra le prerogative principali dell’uomo moderno è il movimento. Lo spostarsi da un posto all’altro, per tutte le ragioni che ritiene necessarie, fa di lui, e di noi, un uomo moderno; scandagliando quindi tutte le varie motivazioni che…

Continua…

Data:1 Ottobre 2020

Art Ad.Virus | Eros e sessualità_Cinema

Nella mitologia greca, Eros compare come una delle tre forze primordiali, dopo Chaos/Voragine(vuoto oscuro) e Gaia/Terra. In origine questo “vecchio amore” dai capelli bianchi, come lo raffiguravano i Greci, prescindeva dai generi maschile e femminile, poichè non esistevano ancora gli esseri sessuati. Eros rappresentava dunque un’energia che scaturiva dall’Universo stesso. Grazie a questa forza primordiale, Gaia partorisce Ouranos/Cielo e Pontos/Acqua(fluttuo marino): <<ciò che libera e palesa è proprio l’istinto che,…

Continua…

Data:24 Settembre 2020

Art Ad.Virus | Eros e sessualità_Pittura

[dialogo con: Elisa Pellacani, In my mind, 2018, stampa cianotipica su carta Rosaspina in strisce assemblate in pieghevole circolare con dorso, Reggio Emilia] Uno dei fulcri su cui l’istinto primitivo della sessualità dell’uomo si regge non trova la sua ragion d’essere in motivazioni esclusivamente organiche e fisiche, bensì piuttosto in un bisogno che trascende questi slanci materiali: il bisogno del contatto con l’altro. È nel contatto con l’altro, in una…

Continua…

Data:17 Settembre 2020

Art Ad.Virus | Eros e sessualità_Fotografia

La terza edizione di Fotografia Europea è stata dedicata al controverso concetto di corpo indagato nelle sue molteplici e a volte radicalmente opposte accezioni. UMANO TROPPO UMANO, che individua bene l’argomento dell’edizione, prevede l’esposizione di scatti di artisti internazionali che si interrogano, in modo diverso, sul tema del corpo. Dal corpo “esibito”, trasformato dal rinnovato culto della forma fisica e del bel vivere in strumento malleabile di piacere e performance; al corpo post-tecnologico,…

Continua…

Data:15 Settembre 2020

#MuseoPOP / Prima regola: mai rubare nei musei

Il nuovo romanzo di Felicia Kingsley – pseudonimo di una giovane autrice modenese – è una piacevolissima scorribanda tra le più belle città d’arte europee, con il fil rouge della caccia al diario di uno dei più misteriosi e intriganti personaggi della storia, il celebre libertino Giacomo Casanova. Sylvie, esperta di lingue e Nick, profondo conoscitore della Storia dell’arte, sono due abili ladri, che, oltre ad alleggerire incauti miliardari delle…

Continua…

Data:7 Settembre 2020

Tag:

#FocusPsichiatria / La rocambolesca fuga di Pietro T.

Il padiglione Lombroso dal 1907 al 1930 ha ospitato i “prosciolti”, coloro che avevano commesso un reato ma che erano stato giudicati incapaci di intendere di volere: questi pazienti non venivano mandati in carcere, ma in padiglioni appositi negli ospedali psichiatrici. Proprio per questo il Lombroso ha due ali di celle ed era circondato da un muro, oggi ricordato da una ricostruzione in rete metallica. Non era detto però che…

Continua…

Data:3 Settembre 2020

Art Ad.Virus | Eros e sessualità_Archeologia

Frammento di cratere a figure rosse di provenienza attica, dal pozzo del settore centrale del sito etrusco di Servirola (San Polo d’Enza). Un satiro ebbro, simbolo della forza fecondatrice della natura, insegue con un otre pieno di vino sulle spalle una menade sfuggente. Scene di questo tipo ricorrono frequentemente nell’arte vascolare greca. Parte del thiasos, questi personaggi sono spesso raffigurati assieme ai sileni e alle ninfe mentre accompagnano allegramente Dioniso…

Continua…

Data:12 Agosto 2020

Art Ad.Virus | MALATTIA archeologia

Da sempre, in tempi, luoghi e culture diverse, la paura della morte causata dalla malattia ha portato l’uomo a rivolgersi al divino al fine di ottenere guarigione o protezione. Spesso, oggi come in passato, tale richiesta prevede che il devoto si rechi in pellegrinaggio verso il luogo di culto, dove dedicherà al dio le proprie offerte. Tra queste, la tipologia più nota è quella dell’ex voto anatomico, la cui tradizione…

Continua…

Data:6 Agosto 2020

Art Ad.Virus | MALATTIA pittura

[dialogo con: Giovanni Costetti, Donna malinconica, 1925 ca., inchiostro/pittura a tempera su carta, Musei Civici di Reggio Emilia, n. inv. A374] L’occhio perso nel vuoto, il capo reclinato, il gesto semplice, tanto spontaneo quanto pieno di riferimenti antichi e moderni: ecco la malinconia (o, in antico, melancolia). Più si osserva questo disegno, più si ha modo di intuire che questo stato d’animo, quasi passeggero, lievemente accennato, sempre presente nel nostro…

Continua…